Seguici su
Cerca

Il “virus” che abbiamo sempre avuto

Intervento del prof. Alessio Emanuele Biondo, associato di Politica economica del dipartimento di Economia e Impresa dell'Università di Catania

3 Giugno 2020
*Alessio Emanuele Biondo

Sappiamo tutti quanto il coronavirus abbia inciso sulla vita del nostro Paese. Attività produttive ferme, ospedali sotto stress, divieti di circolazione, povertà. Anche chi non ha conosciuto la guerra, avrà un’idea di negozi chiusi e strade deserte e una mezza idea del coprifuoco e della sensazione di pericolo incombente. Doveva per forza andare così? I sacrifici fatti sono serviti a qualcosa? Cosa abbiamo imparato?

Sanità pubblica sottofinanziata

Alla prima domanda non è facile rispondere. Moltissimi Paesi in Europa e nel resto del Mondo hanno frenato la libera circolazione delle persone, in modo più o meno simile al nostro. Noi però abbiamo fatto più di tutti, più a lungo. Perché? Per la carenza di servizi sanitari del nostro Paese. Non avremmo potuto fronteggiare i contagi senza saturare il sistema sanitario. Dunque, non sbaglia chi dice che non si sarebbe potuto fare molto diversamente. Sbaglia di grosso, però, chi pensa che sia stata tutta colpa del coronavirus. La maggior parte della colpa è dell’aver sottofinanziato, nel tempo, la sanità pubblica. Prima di covid-19, avevamo poco meno di un quinto dei posti ospedalieri su cui poteva contare la Germania, a fronte di una popolazione minore di circa un terzo. I motivi sono l’errore della politica poco lungimirante e la scarsità di risorse causata dall’enorme evasione fiscale.

Un piano di chiusure a comparti regionali differenziati

Andando alla seconda domanda, i sacrifici che abbiamo sostenuto sono enormi. Non avendo la cura, tutto sembra servito solo a far capire l’importanza del distanziamento sociale. Infranto quello, il contagio è pronto a ricominciare. Studiando i dati dell’epidemia proprio durante le sue fasi più acute, assieme ad altri colleghi dell’Ateneo di Catania con la ricerca dal titolo "A Novel Methodology for Epidemic Risk Assessment: the case of COVID-19 outbreak in Italy", ci siamo accorti che le regioni d’Italia non fossero tutte esposte allo stesso modo rispetto al dilagare dell’epidemia, nonostante che tutte fossero state certamente raggiunte dal virus. Le condizioni d’inquinamento atmosferico, la temperatura, la densità abitativa e degli insediamenti ospedalieri, la consistenza demografica, l’età e la mobilità della popolazione, spiegano che il rischio epidemico vada considerato diversamente, in territori diversi. Pertanto, un piano di chiusure a comparti regionali differenziati sarebbe stato preferibile, bloccando i movimenti fra le regioni ma lasciando aperte molte attività economiche. La chiusura indiscriminata ha indebitato il nostro Paese in modo gravoso e, direi, quasi irreversibile se non ci fosse ancora l’ultima partita da giocare sugli aiuti dall’Unione Europea. L’indebitamento inefficace non appare la ricetta più lungimirante per il Paese.

Una politica lungimirante per salvare la società

La terza risposta è che abbiamo imparato a nostre spese che anche i servizi che diamo per scontati, vanno sostenuti con continuità, senza bisogno di aspettare l’emergenza. Abbiamo guardato in faccia il miraggio di restare a casa e ricevere sussidi (che non sempre sono arrivati). E’ un incubo: non si può dividere una torta senza prima farla! Nella sanità, misuriamo il danno con la morte e le sofferenze di tante persone. Ci sono servizi il cui degrado ha sintomi non altrettanto evidenti, seppur non meno gravi. L’istruzione soffre, a scuola e all’università. Senza una lungimirante politica che edifichi i giovani attraverso l’istruzione, la nostra società sarà presto finita.

La malattia cronica del nostro Paese è, dunque, la miopia. Abbiamo pagato un acconto, ma non per comprare gli occhiali giusti. Spinti solo da ciò che è così vicino da poterlo toccare, camminiamo spesso su un percorso di vanità personali e parole vacue, dal quale è impossibile guardare al domani. La società si inaridisce, chiede alla politica obiettivi contingenti e, dunque, del tutto provvisori. La politica improvvisata propone provvedimenti disegnati male. Cosa, dunque, abbiamo imparato? Che questo modo di fare è sbagliato, che si raccoglie ciò che si è seminato, che pagano soprattutto i più deboli. Tutto sommato, nulla di nuovo. Meno male che quest’estate si potrà andare al mare!! Speriamo solo che non mettano i separatori di plexiglas sulla spiaggia, perché potrebbe fare caldo…

Alessio Emanuele Biondo 

*Alessio Emanuele Biondo, associato di Politica economica al Dipartimento di Economia e Impresa dell'Università di Catania

Sull'argomento Emergenza Covid-19 leggi anche

Il contributo dell'Università di Catania
07/09/2021Il malessere degli studenti dell’Ateneo durante la pandemia
01/03/2021La gestione del paziente oncologico in epoca Covid-19
28/02/2021Università di Catania in prima fila in Italia nella campagna di vaccinazione
24/02/2021Tablet in comodato d’uso gratuito per studenti del dipartimento di Scienze politiche e sociali
05/11/2020Pace, un tool software di supporto ai radiologi nella lotta al COVID-19
03/11/2020Coronavirus: medici specializzandi, intesa tra Regione Siciliana e Università
29/09/2020La prof.ssa Caterina Ledda prima “Covid manager” certificata in Italia
11/09/2020Emergenza Covid, al Policlinico e al Garibaldi i Centri Trasfusionali per la raccolta di plasma
28/07/2020Alto gradimento per la Dad di Unict, un sondaggio tra gli studenti premia l’impegno dell’Ateneo durante il lockdown
10/07/2020L’Università di Catania incontra il mondo imprenditoriale
09/07/2020Le prime lauree in presenza dopo l’emergenza sanitaria
29/06/2020“Pillole di Museo”, tour virtuali alla scoperta del patrimonio museale dell’Università di Catania
27/06/2020Mascherine testate dall’Anti-Covid Lab hanno ottenuto la certificazione dell'ISS
22/06/2020La specializzazione dei saperi nell'era del post Covid-19
29/05/2020Orientamento, da luglio il corso di preparazione ai test di ammissione ai corsi di area medica
28/05/2020Emergenza Covid, mascherine per il personale dell’Università di Catania
27/05/2020Tremila litri di igienizzante dall’Università di Catania a Bergamo e Somaglia
27/05/2020Di3A, continuano le visite tecniche virtuali
26/05/2020Lo ‘speaker’ degli Open Days
21/05/2020“A Catania turismo è…”: Baudo, Parmitano e altri catanesi testimonial di uno spot per la città
21/05/2020Open Days, concluso l’evento di orientamento per chi vuole iscriversi all’Università di Catania
19/05/2020Open Days, oggi la seconda giornata dedicata ai dipartimenti dell’area delle Scienze della Vita
18/05/2020Economia, nuove ‘videopillole’ sugli effetti di Covid-19
18/05/2020Open Days Unict 2020, inaugurato l’evento on line dedicato a chi vuole iscriversi all’Università
18/05/2020Covid-19, Policlinico e Unict in prima linea nello studio nazionale sul plasma
18/05/2020#LaMiaVita Dopo Il Covid
14/05/2020Open Days “online”, l’Università di Catania si presenta alle future matricole
13/05/2020CInAP, uno “sportello virtuale” per le future matricole con disabilità e Dsa
11/05/2020Microsoft Live Edu, la didattica a distanza e la risposta dell’Ateneo alla crisi ‘Covid-19’
09/05/2020Video ‘pillole’ di Economia sui problemi derivanti dall’emergenza Covid-19
06/05/2020Trasferimento da altri atenei, ecco il bando Unict
05/05/2020La Formazione non si ferma: “Distanti, ma vicini”
05/05/2020“Fase 2” in Ateneo, emanate le indicazioni per la didattica e il rientro negli uffici
02/05/2020“Unict aiuta chi ti aiuta”, 2000 mascherine FFP3 per gli ospedali catanesi
30/04/2020Proroga tasse e accesso ai corsi di laurea, due novità in arrivo
29/04/2020Sostenibilità nella gestione d’impresa al tempo di Covid-19
28/04/2020Tre docenti etnei nella Commissione di esperti del Programma nazionale per la Ricerca 2021-2027
09/04/2020“Unict aiuta chi ti aiuta”, già raccolti 60 mila euro per gli ospedali catanesi
08/04/2020Nascere ai tempi del Coronavirus
06/04/2020CInAP, attivi tutti i servizi a supporto degli studenti diversabili e con Dsa
01/04/2020Accordo Ersu-Unict, la residenza Toscano-Scuderi alloggio temporaneo per medici e specializzandi
31/03/2020Al “San Marco” aprono i reparti di Clinica medica e Pneumologia
27/03/2020“UNICT aiuta chi ti aiuta”, l’ateneo a sostegno degli ospedali catanesi
24/03/2020L’Università di Catania produrrà soluzione disinfettante per la Protezione civile regionale
20/03/2020Antonella Agodi nel Gruppo di lavoro "Prevenzione e Controllo delle Infezioni" dell'Iss
06/03/2020Da lunedì al via la didattica on line
Ricerca
06/03/2021Il trattamento anticorpale è parzialmente inefficace su pazienti gravi affetti da Covid
06/03/2021Mobilità, temperatura, anzianità della popolazione e inquinamento incidono sull’impatto del Covid
25/02/2021Clima e inquinamento favoriscono la trasmissione e la sopravvivenza del Covid-19
09/11/2020Polosa e Tomaselli designati editori di una importante rivista per la ricerca sul COVID-19
13/10/2020Vaccinazione anti-influenzale in età infantile al tempo del COVID-19
27/07/2020Il lockdown “spegne” il rumore sismico del 50% a livello mondiale
23/07/2020Malattie rare al tempo del Covid-19, dall’emergenza alla ripartenza
29/05/2020Gli italiani e l’informazione durante il lockdown
19/05/2020L'impatto della pandemia nell'età pediatrica
17/05/2020Medicina del lavoro tra SARS-CoV-2 e operatori sanitari
14/05/2020Covid-19: nuovo approccio farmacologico evidenziato da ricerca internazionale
09/05/2020“Distantia”, l’app di Unict per il distanziamento
08/05/2020Un modello computazionale riproduce “in silico” il decorso del Covid-19
08/05/2020Covid-19 e Intelligenza artificiale: nuove soluzioni per misurare il corretto “Social Distancing”
06/05/2020Nuovi Dispositivi di protezione individuale "facciale" al personale medico-sanitario
29/04/2020Covid-19, effetti diversi su uomini e donne: ricerca Unict prova a spiegare il perché
18/04/2020Un modello epidemico per stimare positivi non identificati
16/04/2020Anti-Covid Lab, via libera dell'ISS ai test su mascherine chirurgiche a uso medico
10/04/2020Uno studio sulle possibili cause della diversa diffusione in Italia
09/04/2020A fine aprile solo pochi contagi
05/04/2020Policlinico, al via lo screening ematico per scoprire gli anticorpi del virus
31/03/2020A Catania nasce “Anti_Covid-Lab” per testare tessuti per mascherine e Dpi
22/03/2020I sensori del progetto “Mediwarn” a supporto della gestione dell’emergenza
13/03/2020L’Università di Catania avvia la distribuzione di una soluzione igienizzante