Una ricerca etnea per migliorare l’assistenza sanitaria finalista “EIT Jumpstarter Competition”

L’idea progettuale presentata a Riga nei giorno scorsi dal dottorando Roberto Corsini

25 Novembre 2019
Alfio Russo

Indagare i fenomeni che caratterizzano i reparti sanitari, valutare i flussi e le relazioni tra le varie fasi di un processo, proporre strumenti applicabili e replicabili di ottimizzazione basati sulla modellazione matematica e sulla simulazione per aumentare la soddisfazione degli stakeholder e migliorare la loro percezione di qualità del servizio. Sono gli obiettivi principali del progetto proposto dall’ingegnere Roberto Corsini, dottorando in Sistemi Complessi per le Scienze fisiche, socio-economiche e della vita (XXXIV ciclo), alla finale della Competition europea “EIT Jumpstarter Competition”, organizzata dall’European Institute of Innovation & Technology a Riga nei giorni scorsi.

L’idea innovativa - che fonda le proprie basi sul progetto di ricerca di dottorato dal titolo “Ottimizzazione dei reparti sanitari” seguito docenti Sergio Fichera e Antonio Costa del Dipartimento di Ingegneria civile e architettura e Alessandro Pluchino del Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Catania – consente di farre valutazioni su come gestire al meglio le risorse e le facilities a disposizione incrementando le performance di efficienza. Le attività di ricerca comprendono i principali fenomeni che caratterizzano i sistemi sanitari in esame e mirano a risolvere i problemi di efficienza e di qualità percepita dai pazienti.

L’ingegnere Roberto Corsini ha partecipato alla competizione per la sezione “Healthcare” sostenuta da EIT Health (mentre le altre due sezioni erano Food e Raw Materials) che si prefigge di sostenere l’innovazione e l’imprenditorialità nel campo sanitario al fine di promuovere una vita sana e migliorare la qualità del servizio sanitario. Una competizione rivolta a ricercatori e professionisti con l’obiettivo di identificare e promuovere le migliori idee con un potenziale impatto sul sistema Healthcare.

Prima di arrivare alla finale, la proposta dell’ing. Corsini ha superato altre tre fasi: una selezione online di numerose candidature proveniente dall’Europa; l’EIT Bootcamp (Riga, 11-12 aprile 2019) in cui si sono confrontati 90 team selezionati per tutti e tre i settori della competizione con lo scopo di trasmettere competenze riguardo lo sviluppo di idee imprenditoriali, soprattutto tramite la preparazione del Pitch Deck; l’EIT Local Joint Training (Budapest, 23-27 settembre 2019) che ha visto, sulla base del Pitch Deck presentato, solo 45 team in gara. Il Local Joint Training ha avuto l’obiettivo di trasmettere ai partecipanti metodi di sviluppo del proprio business e analisi delle potenzialità di mercato. E, infine, la EIT Grand Final Event (Riga, 14 novembre 2019) in cui, sulla base dei business plan, 6 team per il settore Healthare sono stati scelti per partecipare all’ultima tappa in cui sono state presentate le ricerche.