Le periferie di Catania al centro della Summer School di sociologia del territorio

24 Giugno 2021

Le periferie del centro. Vecchie e nuove forme di disagio sociale. Il caso Catania”. Sarà questo il tema della X edizione della Summer School di Alta Formazione di Sociologia del Territorio, promossa dal Consiglio nazionale dei Sociologi dell’ambiente e del territorio dell'Associazione Italiana di Sociologia (AIS Territorio) e che si terrà a Catania, dal 9 al 16 settembre 2021.

Ad ospitare la settimana di studio sarà il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell'Università di Catania, con la responsabilità scientifica di Carlo Colloca, associato di Sociologia dell’ambiente e del territorio dell'ateneo catanese insieme con i docenti Giampaolo Nuvolati, Coordinatore AIS Territorio, Sara Spanu, Segretaria AIS Territorio e Licia Lipari, DSPS-UNICT.

«Per una settimana, Catania diventerà un laboratorio dove i sociologi del territorio – spiega il prof. Carlo Colloca del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali -  con il contributo di architetti, urbanisti e assistenti sociali,  faranno formazione a beneficio di studenti provenienti da tutta Italia, e frequentanti i corsi di laurea in sociologia, in servizio sociale, in architettura, in geografia e in scienze umane, dottorandi, nonché architetti e social worker interessati alla doppia perifericità che vivono le grandi città del Sud Italia, potremmo dire anche del Sud Europa.  Sono città che, come Catania, vivono una condizione di vulnerabilità e di esclusione sociale ai margini della città, che si ripete all’interno dei quartieri del centro storico, dove risiedono popolazioni fragili, come gli anziani autoctoni e i cittadini stranieri immigrati. Molte aree del centro storico sono anche la metà dei "city user", attratti da diverse offerte di consumo. Inoltre numerosi edifici di pregio perdono la loro funzione abitativa e diventano sede di centri finanziari e di studi di liberi professionisti, mentre quelli più degradati sono provvisoriamente abbandonati e, in attesa di essere riqualificati e rifunzionalizzati, diventono il rifugio di molti senza-tetto e nuovi poveri».

L’offerta formativa della Summer School sarà articolata in incontri su aspetti teorici e di metodo per la ricerca socio-territoriale e in attività laboratoriali che permetteranno di conoscere più da vicino i quartieri del centro storico. L’obiettivo è quello di fornire strumenti adeguati per svolgere attività di ricerca socio-territoriale e contribuire ad una progettazione sociale del territorio. A conclusione della Summer School, il 16 settembre, le ipotesi progettuali maturate dagli iscritti saranno illustrate ai rappresentanti degli ordini professionali, in particolare quello regionale degli assistenti sociali e quello provinciale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori, nonché a rappresentanti dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.

Le iscrizioni sono aperte fino al prossimo 30 giugno. Per saperne di più è possibile consultare il sito web www.sociologiadelterritorio.it.