Eurobot 2018, il team dell’Università di Catania protagonista della gara internazionale di robotica

8 Maggio 2018

Anche quest’anno l’Università di Catania sarà protagonista di “Eurobot”, la gara internazionale itinerante nata in Francia nel 1998 per avvicinare studenti universitari e giovani appassionati allo studio della robotica.

L’edizione 2018 si terrà a La Roche Sur Yon, cittadina francese situata a 400 km da Parigi, dal 10 al 12 maggio prossimi ed è incentrata quest’anno sul tema “Robocities”: ogni team deve realizzare due robot in grado di costruire in maniera autonoma intere città e capaci di occuparsi della loro gestione. Uno dei due robot dovrà raccogliere cubi colorati ed impilarli formando delle torri, rispettando la sequenza dei colori che sarà resa nota solo durante l’esecuzione; tali torri dovranno poi essere depositate in un’area specifica. Il secondo robot dovrà invece raccogliere palle da ping-pong, che rappresentano l’acqua, e lanciarle in un box, il ‘raccoglitore d’acqua’, situato ad un’altezza superiore a quella dei robot. La durata dell’intera gara è di 100 secondi.

L’“Unict Team” è composto da dodici studenti del secondo e terzo anno e di dottorato di ricerca, con competenze e esperienze diverse per far fronte a tutti gli aspetti della sfida: Alberto Contaldo, Giorgio Pometti e Marco Pometti (cdl in Ingegneria elettronica); Lorenzo Abbate e Fabio D’Urso (cdl in Informatica); Edoardo Nicoletti (Ingegneria meccanica); Stefano Maugeri, Fabrizio Tata, Bruno Ursino e Fabio Polisano (Ingegneria informatica); Davide Nicolosi e Matteo Schembri (Ingegneria industriale).

I catanesi – che saranno guidati dal docente di Informatica dell’Ateneo catanese Corrado Santoro - si misureranno contro squadre provenienti da diversi paesi europei, tra i quali Inghilterra, Belgio, Germania, Spagna, Serbia, Russia, Svizzera, Repubblica Ceca, Romania e Francia .  

La squadra ha già ultimato i suoi due robot dal punto di vista meccanico ed elettronico, mentre è in fase di completamento lo sviluppo del software. Successivamente verrà messa a punto la strategia di gioco, per far sì che i robot funzionino in gara così come durante le fasi di test.

“Unict-Team”  ha una lunga esperienza di partecipazione a contest di robotica. Partecipa a Eurobot dal 1998 classificandosi sempre nelle zone alte della classifica ed ha ottenuto il secondo posto nel 2009 e nel 2011. Nel 2017 si è classificato quarto alla  Mohamed Bin Zayed International Robotic Challenge.

Da quest’anno la squadra catanese si potrà affidare alla tecnologia di STMicroelectronics: i robot etnei, infatti, useranno la board Nucleo STM32; una sfida importante per il team che finora aveva adottato una soluzione basata su più board sviluppate ad hoc ed equipaggiate con Microchip dsPIC.

Ciascuno dei due robot è dotato di una scheda di STMicroelectronics Nucleo-F446RE, montata su una “docking board”, preparata ad hoc, sulla quale sono stati posizionati i driver per i motori, una periferica di comunicazione nRF24 e una serie di connettori per il collegamento dei sensori e degli attuatori. La parte software, sia il controllo di basso livello che la strategia, gira sul microcontrollore a bordo della scheda Nucleo ed usa, come piattaforma, il kernel real-time NuttX.