Benedettini, venerdì incontro sul nuovo ruolo della donna all’interno di Cosa Nostra

1 Marzo 2017

Venerdì 3 marzo, alle 16,30, nell'Auditorium del Monastero dei Benedettini, sarà inaugurato il laboratorio di Ateneo su "Donne e mafia" con l'incontro dal titolo "Donne di mafia - Custodi dell’omertà o nuove protagoniste della violenza mafiosa?". Interverrà Marzia Sabella, per diversi anni magistrato della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, che nella sua carriera ha seguito numerose indagini di mafia, partecipando anche alla cattura di Bernardo Provenzano. Attualmente è consulente della Commissione Parlamentare Antimafia. Per Einaudi ha pubblicato “Nostro Onore” (2014, con Serena Uccello).

A presentare il laboratorio sarà la coordinatrice Simona Laudani, docente di Storia moderna del dipartimento di Scienze umanistiche.

Nel corso dell’incontro si discuterà del ruolo delle donne all’interno di Cosa Nostra tra passato e presente. Da custodi dell’omertà e garanti dei disvalori mafiosi, oggi le donne di Cosa Nostra tendono ad assumere ruoli sempre più rilevanti e di primo piano dentro le mafie.

Ufficio Comunicazione e Stampa
Università di Catania
Alfio Russo