“Zebrafish”, alla Torre Biologica studiosi internazionali a confronto sul modello animale applicato alla ricerca biomedica

11 Giugno 2018

Un modello animale ampiamente utilizzato nei diversi campi della ricerca biomedica, dalla genetica e biologia dello sviluppo, agli studi comportamentali e tossicologici, disordini neurodegenerativi, patologie ereditarie e congenite, oncologia e sviluppo di nuove molecole farmacologicamente attive e valutazione di possibili strategie terapeutiche.  E’ dedicata allo Zebrafish (Danio rerio), l’iniziativa dal titolo “Zebrafish and other aquatic models in Mediterranean labs (Zf-Med)”, promossa dal Centro servizi “Center for Advanced Preclinical in vivo Reasearch” (Capir) dell’Università di Catania e dagli atenei di Napoli Federico II, del Salento e di Palermo, con il supporto di Tecniplast Spa e il patrocinio dell’Associazione italiana per le Scienze degli Animali da Laboratorio (Aisal), dell’infrastruttura multidisciplinare per lo studio e la valorizzazione della Biodiversità marina e terrestre (Bioforiu) e dell’Advanced Technologies Network Center (Aten).

L’incontro si terrà martedì 12 giugno, dalle 9.30, alla Torre Biologica “Ferdinando Latteri” (via Santa Sofia 97), sede del Capir, ed è dedicato in particolare al “Live Imaging” - tra le tecnologie più all’avanguardia nell’ambito biomedico - che ottimizza la combinazione di risoluzione e sensibilità nell’ottica del miglioramento della ricerca sperimentale nel campo della diagnostica e della terapia di numerose patologie.

Zebrafish è un ottimo sistema modello di vertebrato, versatile per l’uso di tecniche innovative di imaging grazie alla trasparenza degli embrioni e delle larve, e alla disponibilità di animali adulti trasparenti (Casper), nei quali l'uso di proteine e coloranti fluorescenti consentono lo studio di comportamenti complessi di cellule tumorali, attecchimento di xenotrapianti, neo-vascolarizzazione e risposte di crescita ai trattamenti farmacologici.

Il programma della giornata si svilupperà in una sessione scientifica mattutina, durante la quale relatori internazionali illustreranno le potenzialità e le applicazioni dell’imaging nel modello zebrafish ed una sessione tecnico-scientifica pomeridiana, nella quale si discuteranno gli aspetti gestionali relativi a mantenimento, salute, benessere e legislazione dei modelli animali.