“I paesaggi delle mafie”, giovedì pomeriggio alla Cittadella si presenta la nuova edizione del laboratorio interdisciplinare

8 Novembre 2017

Giovedì 9 novembre alle 17, nell'aula magna "Oliveri" di Ingegneria (Cittadella universitaria), si terrà un incontro per la presentazione del laboratorio "I paesaggi delle mafie", curato dai dipartimenti di Ingegneria civile e Architettura (Dicar) e di Scienze della Formazione (Disfor) con il centro di ricerca per il Community University Engagement (Cure). Il corso ha ricevuto la menzione speciale dell'Aesop, l'organizzazione che riunisce tutti i dipartimenti delle Università europee dove sono presenti insegnamenti o corsi di urbanistica, ed è stato pertanto inserito tra i tre più innovativi corsi di urbanistica in Europa. Per iscriversi alla nuova edizione del laboratorio, gli studenti interessati possono inviare un email a paesaggidellemafie@gmail.com specificando il corso di laurea e il proprio numero di matricola entro il prossimo giovedì 16 novembre.

Dopo i saluti istituzionali della delegata del rettore alla Didattica Bianca Lombardo, del coordinatore del laboratorio d'Ateneo "Territorio, ambiente e mafie" Antonio Pioletti, del direttore del Dicar Enrico Foti e del direttore del Disfor Santo Di Nuovo, i coordinatori cureranno la presentazione degli obiettivi formativi del laboratorio "I paesaggi delle mafie". Interverranno in particolare i responsabili scientifici - Filippo Gravagno e Roberta Piazza - e i tutor (Alessia Denise Ferrara e Giusy Pappalardo); seguirà la presentazione del laboratorio a cura di "Whole - Urban Renewal", l’associazione di ex allievi del laboratorio che si è data come obiettivo quello di rendere i cittadini attori attivi, consapevoli e responsabili dei luoghi da loro fruiti.

L’incontro prevede inoltre gli interventi di Maria Francesca Pricoco (presidente Tribunale per i Minorenni di Catania), Maria Randazzo (direttrice Bicocca di Catania), Carmela Leo (direttrice IPM, Acireale). Partecipano anche i rappresentanti delle associazioni partner che contribuiscono all'organizzazione del laboratorio: Gregorio Porcaro (presidente "Libera", Sicilia), Agnese Gagliano (responsabile "Punto Luce", Catania) e Valentina Manuele (presidente Rotaract Catania Est).

Ufficio comunicazione e stampa
Università di Catania
Mariano Campo