Primo meeting annuale del progetto H2020 BRESOV

Dal 18 al 20 giugno, ad Ancona, ha avuto luogo il primo meeting annuale del progetto EU Horizon 2020 BRESOV “Breeding for Resilient, Efficient and Sustainable Organic Vegetable production” (G.A. n. 774244)
27 Giugno 2019

Durante le sessioni del meeting sono state illustrate da tutti i partner le attività in corso che hanno l’obiettivo di aggiornare le conoscenze sulla struttura e sulla funzione del genoma, e stanno già consentendo, tramite l’adozione delle moderne biotecnologie agrarie, di selezionare genotipi idonei per il breeding del cavolo broccolo, del fagiolino e del pomodoro. In tale contesto, particolare interesse assume la banca del germoplasma del Di3A che è ricca di risorse genetiche di varietà locali e di specie spontanee affini a quelle coltivate (crop wild relatives) di interesse ortofloricolo.

L’obiettivo finale del progetto è di porre le basi per la costituzione di varietà di ortaggi selezionati e costituiti specificatamente per la produzione biologica consentendo di incrementare la quantità e la qualità di sementi idonee a tele comparto produttivo data il recente Regolamento UE n. 848/2018 che limita notevolmente le deroghe finora dispensate per l’utilizzo di semi non biologici per avviare i processi colturali in biologico. I tre giorni del primo meeting annuale BRESOV sono stati l’occasione per illustrare il lavoro svolto dai partner e descrivere i primi risultati acquisiti.

Il progetto, che coinvolge ventidue partner, provenienti da nove Paesi Europei, oltre che da Cina, Svizzera, Sud Corea e Tunisia, coordinato dal Prof. Ferdinando Branca del Di3A del nostro Ateneo, è stato finanziato con 5.96 milioni di euro dall’Unione Europea nell’ambito del bando H2020 sull’Organic breeding. Il progetto si propone di innovare la produzione biologica comunitaria mediante la costituzione di nuove varietà delle tre colture oggetto di studio, in grado di migliorare la resilienza, l’efficienza e sostenibilità delle corrispondenti filiere orticole e di migliorare la sicurezza alimentare dei prodotti.

Le attività e i risultati del progetto possono essere seguiti online sul sito www.bresov.eu e attraverso i canali social del progetto Facebook e Twitter (www.facebook.com/BresovEU e www.twitter.com/bresov_eu). Alla fine del meeting ci si è dati appuntamento al prossimo incontro previsto presso L’Università Politecnica di Valencia durante la prossima primavera del 2020.