Giovan Battista Dagnino invitato ad organizzare un workshop dalla Academy of Management

L'incontro si terrà ad Atlanta il prossimo agosto e verterà su tematiche legate al rapporto fra competizione e cooperazione nei mercati
3 Maggio 2017

Un team internazionale formato da Giovanni Battista Dagnino, ordinario di Economia e Gestione delle Imprese nel dipartimento di Economia e Impresa (Dei), Dovev Lavie (Technion Israel Institute of Technology) e Anna Minà (Università di Enna Kore) è stato invitato dalla prestigiosa Academy of Management ad organizzare un Professional Development Workshop sul tema “The Interplay of Competition and Cooperation: Current Issues and Future Research Agenda” il prossimo 5 agosto. Tale iniziativa fa parte delle attività in programma nel corso dell’Annual Meeting dell'Academy, che si terrà ad Atlanta dal 5 al 9 agosto e al quale parteciparanno oltre 11 mila delegati da ogni parte del mondo.

Fondata ottanta anni fa, l’Academy of Management è la più importante accademia globale che annovera oltre 20 mila studiosi di discipline economico-aziendali e manageriali provenienti da più di 120 Paesi. Per il Convegno annuale di Atlanta sono attesi oltre 11 mila delegati da ogni parte del mondo.

Il workshop, sponsorizzato da quattro divisioni dell’Accademia (Business Policy and Strategy, Entrepreneurship, International Management, e Technology and Innovation Management), intende un promuovere la formazione di un network internazionale di studiosi sui temi dell’interazione fra competizione e cooperazione. Il dibattito si concentrerà prevalentemente sulle tematiche legate all’intersezione e all’interdipendenza fra competizione e cooperazione (coopetition), che costituisce oggi un aspetto fondamentale di molteplici mercati e settori industriali. L'incontro coinvolgerà oltre 50 studiosi e un qualificato panel di distinguished scholars internazionali: Javier Gimeno dell’Insead, Devi Gnyawali della Virginia Tech, Werner Hoffmann della WU Vienna University of Economics and Business; Dovev Lavie del Technion, Laura Poppo della University of Kansas e Jeffrey Reuer della University of Colorado at Boulder.