Un ricordo di Antonio Scalia

Un breve ritratto dello studioso, ordinario del dipartimento di Matematica e Informatica, che si è spento lo scorso agosto all'età di 68 anni

26 Settembre 2016
Giovanni Gallo

Lo scorso 21 agosto, all'età di 68 anni, è scomparso  il prof. Antonio Scalia già ordinario di Fisica-Matematica alla facoltà di Ingegneria e membro del dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università di Catania.
Antonio Scalia, nato a Giarre nel 48 e laureatosi in Matematica nel 72 nell'Università di Catania, ha cominciato subito la sua attività universitaria in qualità di borsista del Consiglio Nazionale delle Ricerche percorrendo successivamente i gradini della scala Accademica sino ad arrivare al ruolo di ordinario.
La sua attività didattica è stata varia e intensa avendo tenuto innumerevoli corsi nella facoltà di Ingegneria di cui fu componente sin dalla nascita in seno all'Ateneo.  Docente sempre attento alle necessità degli studenti, ha contribuito alla formazione di generazioni di giovani ingegneri, integrando alla solida formazione culturale il rapporto umano personale con i suoi allievi. Ampia e variegata è stata la sua attività scientifica. Dopo avere cominciato con alcuni classici problemi per corpi a massa variabile, si dedicò allo studio della termo-meccanica dei continui, sia elastici che visco-elastici, e infine allo studio dei continui con micro-struttura. In questi campi è stato autore, oltre che di due monografie, di numerosi lavori pubblicati su riviste internazionali. Egli lascia un indelebile ricordo nei suoi colleghi, nei suoi studenti e in quanti hanno avuto la fortuna di conoscere ed apprezzare l’uomo, il docente e lo studioso.