Un accordo tra il dipartimento di Scienze della Formazione e l'United Network Europe

Presentato nel corso della Closing Cerimony Italian Model United Nation, una delle più grandi simulazioni di processi diplomatici organizzata in Europa

30 Gennaio 2020

Un accordo di collaborazione scientifica tra l'Università di Catania (per il tramite del dipartimento di Scienze della Formazione) e l'United Network Europe, NGO ufficialmente associata al Dipartimento di Global Comnunication delle Nazioni Unite, che vanta diverse collaborazioni con il Ministero dell’Istruzione ed è promotrice di Atlante Italia teacher award. L'accordo è stato presentato lo scorso  22 gennaio, al Palazzo della Cultura di Catania, durante la Closing Cerimony Italian Model United Nation (IMUN), una delle più grandi simulazioni di processi diplomatici organizzata in Europa, alla presenza di oltre 200 studenti della Sicilia Orientale, nonché di docenti e rappresentanti del mondo della formazione.

Nel corso della cerimonia, cui ha partecipato con un intervento anche il sindaco di Catania Salvo Pogliese, la prof.ssa Elena Commodari, professore associato di Psicologia dello Sviluppo e della Formazione, responsabile del progetto di collaborazione scientifica, ha presentato il progetto di ricerca sull’analisi, valutazione e potenziamento delle soft skills nella scuola, campo di indagine esplicitamente caldeggiato dal Miur che in numerosi documenti, tra cui le recentissime Linee Guida sui “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento”,  ha evidenziato la necessità di promuovere una riflessione con valore metodologico e scientifico sulle competenze, ed in particolare sulle soft skills.

La prima fase della ricerca, che è stata brevemente presentata durante l’incontro, ha coinvolto oltre 400 studenti di diverse regioni di Italia, con l’obiettivo di “fotografare” il livello di competenze trasversali raggiunto dagli studenti italiani di scuola superiore, nonché di valutare gli effetti, sull’incremento di tali abilità, prodotti dai processi di “role playing” e di “learning by doing” attuati durante gli interventi di potenziamento educativo che si avvalgono di pratiche di simulazione. Ha partecipato all’incontro anche il prof. Salvatore Angelo Zappalà, direttore del dipartimento di Giurisprudenza.

Al termine dell’incontro, il presidente di United Network Europe, avv. Riccardo Messina, insieme alla prof.ssa Commodari, hanno premiato gli studenti che si sono particolarmente distinti nel programma IMUN”.