"Sport e Legalità", i premiati

Consegnate le borse di studio dell'iniziativa promossa dal Cus Catania

18 Dicembre 2017

Sono state consegnate venerdì 15 dicembre, nell’aula magna del Palazzo centrale dell’Università di Catania, le borse di studio relative all’VIII edizione del progetto “Sport e Legalità”, fiore all’occhiello dell’annuale programmazione del CUS Catania già insignito nel 2012 della “Medaglia al Merito” conferita dal Presidente della Repubblica. L’iniziativa, organizzata dal Centro Universitario Sportivo, con la collaborazione dell’Università di Catania e col supporto attivo delle Forze armate e delle Forze dell’ordine, si prefigge di veicolare il concetto di “legalità” nelle scuole secondarie di primo grado del comprensorio mediante una programmazione sportiva ed una serie di incontri di carattere didattico e formativo.

La cerimonia, contrassegnata dalle premiazioni di fine stagione, è stata aperta dal Commissario straordinario del CUS Catania, Luigi Mazzone, e dal presidente del Comitato per lo Sport Universitario, prof. Giuseppe Compagnini. Il commissario straordinario, insediatosi da poco più di un mese, ha sottolineato la necessità per il CUS Catania di ripartire in un momento di transizione come quello attuale da un evento dalla grande valenza sociale quale “Sport e Legalità”, giacché negli anni grazie al contributo delle varie componenti che lo animano è divenuto un imprescindibile punto di riferimento nonché un modello di attivismo nel sociale da esportare. Il prof. Compagnini, invece, ha evidenziato la matrice pedagogica della rassegna, intesa come viatico per la diffusione tra i più giovani del rispetto delle regole a presidio della società civile. Successivamente è intervenuto il viceprefetto di Catania, Maria Salerno, la quale si è soffermata sull’importanza delle iniziative didattico-sportive vocate al sociale per formare i minori al rispetto delle regole e delle istituzioni militari. Dello stesso tenore anche il contributo del questore di Catania, Giuseppe Gualtieri, che, oltre a ribadire l’esigenza di supportare proattivamente progetti come “Sport e Legalità”, ha annunciato l’istituzione da parte della Polizia di Stato di due sezioni delle Fiamme Oro (boxe e rugby) proprio nel capoluogo etneo. Il Capitano di Fregata Massimo Ridolfo - in rappresentanza delle Forze armate e del comandante della Direzione Marittima di Catania, ammiraglio Gaetano Martinez - ha ripercorso il decennale impegno dei militari a sostegno del CUS Catania, ribadendo il supporto degli stessi anche per le prossime edizioni dell’iniziativa.

Dopo i saluti iniziali, si è proceduto alla proiezione in sala di un video riepilogativo dell’edizione 2016/2017. Il mini-film, accolto dagli applausi dei presenti, ha rievocato passo dopo passo i vari appuntamenti di un’edizione incentrata sulla tematica dell’immigrazione e dell’integrazione sociale.

I premiati. Il Trofeo “Sport e Legalità” è stato assegnato alle scuole che hanno ottenuto i migliori risultati nel corso delle competizioni sportive. Ad aggiudicarsi il trofeo l’Istituto “Carducci”, premiato dal commissario straordinario del CUS Catania Luigi Mazzone e dal vice Orazio Arancio. Al secondo posto, invece, è giunta la scuola “Falcone-Verga” di Aci Castello, premiata dall’ex olimpionica Maria Cocuzza. Al terzo posto la scuola “Purrello” di San Gregorio, premiata dall’ex olimpionica Anita Pistone. Il conferimento dei trofei ha poi lasciato il passo alla consegna delle 28 borse di studio del valore di 250 euro cadauna, assegnate grazie alla sensibilità di diversi donatori. Premiati anche gli alunni, selezionati dagli insegnati e dai dirigenti scolastici, che si sono maggiormente distinti nel corso del progetto: Rosaria Principio, Alice Raimondo e Martina Lo Nigro (“Carducci”); Nicolò Gulli e Pier Lorenzo Cortese (“Falcone/Verga”); Simone Berti e Cristiano Caudullo (“Purrello”); Santo Laudani e Giovanni Crisafulli (“San Giorgio”), Martina Impellizzeri e Enrico Maccarrone (“Leonardo Da Vinci”, Mascalucia); Michele Giunta e Luca Lantieri (“Rodari-Nosengo”); Miloudia Baybay e Danilo Panè (“Coppola-De Sanctis-Caronda”); Mattia Bruna e Giovanni Nicotra (“Vittorini”, San Pietro Clarenza); Leonardo Barcella e Federica Crisafulli (“Maiorana”);  Alfio Zerbo (“Brancati”), Dorotea Fiducia (“Dusmet/Doria”); Michael Franco (“Pestalozzi”); Giovanni Pignato (“Calvino”); Giuseppe Garufi (“Malerba”); Andrea Guglielmino (“Padre Pio”); Sofia Guarnera (“Fontanarossa”); Jonathan Di Forte (“Battisti”). Un’ultima borsa di studio in materiale sportivo è stata assegnata all’“Educandato Regina Elena”.

In chiusura il prof. Ignazio Russo (fondatore dell’iniziativa insieme con Roberta Raffaele) ha ringraziato il CONI, la FIGC (rappresentata dalla presidente provinciale Teresa Chiara), la FIDAL e la FIPAV,0 e ha presentato i prossimi convegni inerenti della nona edizione di “Sport e Legalità”: “Donne con le Stellette” (focus sull’importanza delle donne nei corpi militari e nei gruppi sportivi militari) e “Femminicidio: piaga di stretta attualità”.