Sottoscritto il contratto integrativo per il triennio 2015-2017

Una “manovra” di quasi 9 milioni di euro per il biennio 2016-2017 a beneficio del personale tecnico-amministrativo dell’Università di Catania

5 Ottobre 2017
Alfio Russo

Una “manovra” di quasi 9 milioni di euro per il biennio 2016-2017 a beneficio del personale tecnico-amministrativo dell’Università di Catania. È quanto prevede il Contratto integrativo per gli anni 2015, 2016 e 2017 sottoscritto oggi dal rettore Francesco Basile, dal direttore generale d’Ateneo Candeloro Bellantoni e dai rappresentanti delle delegazioni sindacali di categoria (Flc-Cgil, Cisl Università, Uil Rua, Confsal Snals Università/Cisapuni, Csa di Cisal e Usb P.I.) e delle Rsu di Ateneo.

Il rettore ha precisato, durante l’incontro, che “la validità dell’accordo è subordinata al parere del Collegio dei Revisori dei conti e all’approvazione del Consiglio di amministrazione d’Ateneo”. Il contratto firmato oggi conferma, per l’anno 2015, le indennità previste dalla pre-intesa 2015 (già in gran parte erogate), mentre per gli anni 2016 e 2017 è stata concordata la distribuzione di complessivi 4 milioni 340 mila 571 euro per ciascun anno, relativi ai fondi per il trattamento accessorio del personale tecnico-amministrativo di categoria B, C, D, per l’indennità di posizione e di risultato del personale EP e per il fondo destinato a coprire il lavoro straordinario.

Nel fondo per il trattamento accessorio del personale di categoria B, C e D, sono stati compresi 600 mila euro per la Produttività collettiva e organizzativa (anni 2016 e 2017), 326 mila 446 euro per la Produttività individuale per progetti di miglioramento dei servizi (solo 2016), 1 milione 100 mila per le indennità di responsabilità (600 mila euro per il 2016 e 500 mila euro per il 2017). E ancora 766 mila per i due bandi per la Progressione economica orizzontale (Peo) per il 2016 e 1 milione 154 mila per l’accordo Peo per il 2017.

Al fine di mettere a regime il sistema della contrattazione integrativa, verrà inoltre avviato immediatamente il confronto sul contratto integrativo relativo al biennio 2018/19 con possibilità di eventuali miglioramenti a posteriori per l’anno 2016.

Il rettore, al termine dell’incontro, ha espresso soddisfazione per la firma dell’accordo “tanto atteso dal personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo”. “Un plauso all’azione concreta e efficace del direttore generale che ha condotto la trattativa con i sindacati – ha aggiunto il prof. Basile -. Ringrazio la prof.ssa Gabriella Nicosia, delegata ai Rapporti con il personale tecnico-amministrativo, per l’opera fattiva svolta anche in questa occasione e per l’indubbia capacità professionale che ha messo a servizio dell’Ateneo”.