Ringraziamento del rettore al dottor Salvatore Paolo Cantaro

Il messaggio del prof. Francesco Basile al dott. Cantaro, che oggi conclude il suo incarico di direttore generale del Policlinico di Catania

7 Maggio 2018

Il dott. Salvatore Paolo Cantaro conclude oggi il suo incarico di Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Policlinico-Vittorio Emanuele” di Catania.

Desidero rivolgere al dott. Cantaro, a nome dell’Università, un sentito ringraziamento per l’impegno, la professionalità e le grandi capacità di realizzazione che hanno consentito il pieno raggiungimento degli obiettivi stabiliti.

Il suo operato, sempre contraddistinto dalla massima collaborazione con la Scuola “Facoltà di Medicina” e con l’Ateneo in generale, è stato costantemente mirato ad ottimizzare l’integrazione tra didattica, ricerca e attività assistenziale.

Durante la sua azione di governo il dottor Cantaro è riuscito ad avviare e consolidare un processo di cambiamento e trasformazione dell’Azienda Policlinico particolarmente complesso.

Ricordiamo, ad esempio, le iniziative che hanno consentito il prestigioso riconoscimento dell’AOU di Catania quale centro regionale di riferimento per il bacino della Sicilia Orientale per l’esecuzione dello screening neonatale metabolico esteso, nonché le iniziative che hanno portato alla operatività del Centro STEN e STAM all’interno della rete dei punti nascita del bacino di riferimento.

Altro contributo determinante è stato quello per l’attivazione di nuove e moderne strutture che permettono già da oggi di offrire all’utenza ed agli studenti ambienti innovativi per l’assistenza, la didattica e la ricerca. Il Centro Alte Specialità e Trapianti che ospita le attività di Clinica Chirurgica, Ematologia, Cardiologia, Chirurgia Vascolare e Trapianti costituisce una delle più importanti realizzazioni del meridione. Anche altre strutture sono oggi operative presso moderni locali di recente ristrutturazione o di nuova realizzazione: l’edificio storico della Pediatria che ospita le numerose discipline di area pediatrica nonché laboratori ed ambulatori, la nuova Rianimazione ed il blocco operatorio dell’edificio 1, il Centro Trasfusionale e la moderna centrale di sterilizzazione, il centro prelievi ed il laboratorio analisi centralizzato. Inoltre, ultimo in ordine di tempo, l’attivazione del moderno sistema robotico “da Vinci”.

Sono inoltre da citare le numerose iniziative che hanno consentito l’acquisizione e l’allestimento delle attrezzature del Pronto Soccorso del Presidio Rodolico, relativamente alle  quali l’attività del Direttore Cantaro è stata determinante anche per l’ottenimento dei necessari finanziamenti.

Un cenno infine all’impegno profuso per il completamento del nuovo Ospedale San Marco il cui percorso, reso difficoltoso dalle problematiche che hanno colpito l’impresa contraente, è stato portato avanti con capacità di mediazione e continua stretta collaborazione con gli altri Enti. Il trasferimento dei reparti dal Vittorio Emanuele e dal Santo Bambino darà un assetto definitivo e moderno proprio di una struttura che ha il compito istituzionale di integrare la didattica universitaria con la ricerca e favorire il trasferimento delle nuove conoscenze scientifiche nella pratica clinica.

Il dottor Cantaro ha trasferito nella gestione dell’Azienda la sua personale esperienza accumulata nel corso di una lunga e prestigiosa carriera condotta prevalentemente negli ospedali cittadini e in altre aziende sanitarie della regione, mostrando indiscusse capacità manageriali ma prestando sempre attenzione al delicato rapporto con gli utenti delle stesse strutture sanitarie e con i professionisti che in esse quotidianamente operano. 

I docenti ed il personale universitario si uniscono ai dirigenti e al personale ospedaliero nel riconoscere al Direttore Cantaro grande autorevolezza unita alla disponibilità al dialogo e alla concretezza nella risoluzione delle problematiche di una Azienda complessa quale l’AOU.

Auguro al dottore Cantaro, a nome mio e dell’Ateneo, nuovi successi personali e professionali, certo che l’impronta da lui lasciata sarà fondamentale per l’ulteriore crescita della nostra Azienda Ospedaliero-Universitaria e per i futuri traguardi.

Il Rettore Francesco Basile