Quasi 2500 giovani visitatori alla Settimana della cultura scientifica

Grande successo per l'iniziativa promossa dal Miur e alla quale ha aderito anche l'Università di Catania. Nel corso della cerimonia conclusiva si è tenuta la premiazione del concorso fotografico "Scatti@Scienza" per studenti delle scuole

16 Ottobre 2015
Alfio Russo

Hanno esplorato ed ammirato i luoghi ed il lavoro quotidiano di ricercatori, scienziati e naturalisti grazie alle attività didattico-culturali-scientifiche finalizzate ad avvicinare i cittadini, e soprattutto i giovani, ai temi affascinanti e sempre più importanti della scienza e della tecnica.
E proprio i giovani studenti di ogni ordine e grado, ben 2500 provenienti dalla Sicilia orientale, sono rimasti incantati dalle attività degli scienziati nei luoghi etnei dove concretamente si svolge la ricerca ed al tempo stesso sono stati protagonisti della maratona della XXV edizione della "Settimana della Cultura scientifica e tecnologica", promossa annualmente dal Miur con il supporto organizzativo del piano Lauree Scientifiche.

Stamattina, nell'aula magna del dipartimento di Fisica e Astronomia, si è tenuta la cerimonia conclusiva della "Settimana della Cultura scientifica e tecnologica" con la cerimonia di premiazione del concorso fotografico "Scatti@Scienza" rivolto agli studenti di tutte le scuole di ogni ordine e grado. Presenti Rosetta Immè, coordinatrice dell'iniziativa, ed il direttore del dipartimento, Valerio Pirronello.
I vincitori sono stati decretati dai "mi piace" su un social network e da una giuria composta da uno scienziato Angelo Pagano, un'esperta di comunicazione scientifica Roberta Raciti e un esperto di fotografia Santo Reito.

Per le scuole superiori, nell'ambito della sezione "Impatto sociale delle tecnologie della comunicazione", Giuseppe Federico del Liceo scientifico Majorana di Caltagirone si è aggiudicato il primo premio davanti a Irene Cannavò, Alice Mazzocca e Damiano Santini del Liceo classico Cutelli di Catania. Sul gradino più basso del podio, ex aequo, Salvatore Inghilterra e Lorenzo Renda, entrambi del Liceo scientifico Majorana di Caltagirone.

Matteo Inghilterra del Liceo scientifico Majorana di Caltagirone ha conquistato la sezione "Scienze e alimentazioni" davanti a Simone Romeo del Liceo scientifico Boggio Lera di Catania e a Claudio Morreale, Simone Randazzo e Matteo Gaudio del Liceo scientifico Volta di Caltanissetta.

Per la sezione "2015 anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce" il primo premio è stato assegnato a Angela Vecchio del Liceo scientifico Majorana di Caltagirone. Secondi, ex aequo, i team del Liceo scientifico Volta di Caltanissetta composti da Elena Dell'Utri, Simona Rita Corrado e Antonio Costanza e da Simone Cartarasa, Alessandra Di Marco e Marta Riggi. Terza Mirea Cinardo del Liceo scientifico Majorana di Caltagirone.

Per le scuole medie, nell'ambito della sezione "Impatto sociale delle tecnologie della comunicazione", Gaia Giancona dell'Ic Narbone di Caltagirone ha conquistato il primo premio davanti a, ex aequo, Flavia Genovese (Ic De Amicis di Catania), Roberta Sena (Ic Narbone di Caltagirone) e a Simona Barcella (Ic Majorana di Catania).

Per la sezione "2015 anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce" il primo premio è stato assegnato a Roberta Orefice dell'Ic Narbone di Caltagirone. Ex aequo Federico Nicolò (Ic Narbone di Caltagirone), Desirè Sinatra (Ic Narbone di Caltagirone) e Manuela Bagianti (Ic De Amicis di Randazzo).

Nel corso della settimana gli studenti hanno visitato i diversi "luoghi della scienza" - dipartimenti scientifici, Istituti e centri di ricerca scientifici (Istituto nazionale di Fisica nucleare, Istituto di Microelettronica e Microsistemi-Cnr, Istituto nazionale di Astrofisica- Osservatorio astrofisico di Catania, Centro siciliano di Fisica nucleare e di Struttura della Materia) ed in particolar modo il Cutgana con le visite guidate nelle aree protette in gestione; il Museo di Scienze della Terra con l'esposizione di fossili, minerali e rocce, proiezioni, seminari e laboratori interattivi e la mostra "Natura al microscopio"; il dipartimento di Fisica e Astronomia con conferenze, visite guidate ai laboratori dimostrativi-interattivi ed esposizioni ("Potenze di dieci" e "Esploratori dell'invisibile"); l'Inaf-Osservatorio astrofisico con conferenze e con visite guidate con osservazioni diurne; il dipartimento di Matematica e Informatica  con conferenze su crittografia moderna; l'Orto Botanico con gli erbari e le collezioni di piante esotiche e mediterranee; il dipartimento di Scienze chimiche con conferenze, proiezioni, incontri dimostrativi, visite ai laboratori ed un evento musicale.