Notte dei Musei, i luoghi dell'Ateneo apprezzati dal grande pubblico

I visitatori hanno ammirato il Museo della Rappresentazione, il Museo di Zoologia e le Collezioni di Scienze della Terra

12 Aprile 2018
Alfio Russo

Grande partecipazione di pubblico nei luoghi dell’Università di Catania, in occasione della Notte dei Musei che si è svolta il 10 aprile scorso. Per la prima volta l’Ateneo catanese ha aderito all’iniziativa aprendo, gratuitamente, il Museo della Rappresentazione, il Museo di Zoologia e le Collezioni di Scienze della Terra oltre al Museo della Fabbrica del Monastero dei Benedettini, al Museo Archeologico e all'Orto Botanico visitabili con un contributo ridotto grazie all'associazione Officine Culturali.

Oltre 450 visitatori hanno potuto “scoprire” all’interno del Museo della Rappresentazione di Villa Zingali Tetto (via Etnea 742), tra gli altri, i progetti di archivio dell'architetto catanese Francesco Fichera e le incisioni di Giovan Battista Piranesi; nel Museo di Zoologia (via Androne 81) i diversi esemplari faunistici ospitati, descritti e catalogati per specie e provenienza; le Collezioni di Scienze della Terra (Corso Italia 57) che raccolgono esemplari di Mineralogia, Petrografia e Vulcanologia, la collezione di Paleontologia e la raccolta degli Strumenti di misura mineropetrografici, geofisici e geochimici. L’Orto Botanico e il Monastero dei Benedettini, invece, sono stati visitati da oltre 200 visitatori.

«L'evento - spiega la prof.ssa Germana Barone, delegata del rettore al Sistema Museale d'Ateneo – ha permesso di far conoscere al pubblico l'enorme patrimonio museale dell'Ateneo, nell'ottica del sempre più stretto coinvolgimento della città alle iniziative culturali dell'Università di Catania. Speriamo di poter ripetere l'apertura serale nelle successive edizioni anche con l'adesione di ulteriori strutture».