Il Miur finanzia un progetto di ricerca industriale della prof.ssa Angela Messina

Partecipano anche i docenti del Biometec Renato Bernardini, Vito De Pinto e Francesca Guarino

22 Maggio 2019

Il Miur ha finanziato un progetto dal titolo “Sviluppo di peptidi sintetici quali molecole da avviare a studi clinici sulla Sclerosi Laterale Amiotrofica”, presentato in risposta al Bando MIUR 2018 “Proof of Concept” (programma PNR 2015-2020). Il bando prevedeva la selezione, da parte di un panel di esperti, di idee progettuali con un potenziale industrialmente innovativo di idee e conoscenze sviluppate nell’ambito di progetti di ricerca fondamentale precedentemente finanziati e supportati dal conseguimento di un brevetto.

Principal Investigator e proponente del progetto è la prof.ssa Angela Messina, associato di Biologia molecolare nel dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali. Il progetto, l’unico finanziato in Sicilia nell’ambito dell’area “Salute”, prevede un grant di 18 mesi di 197.380,00 euro.

Il progetto si propone di valutare in idonei modelli animali l’efficacia di specifici peptidi sintetici e di un peptide per il quale è stato già depositato dal gruppo di ricerca della prof.ssa Messina un brevetto per il suo potenziale uso nel trattamento della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) e di altre malattie neurodegenerative. In particolare, le finalità del progetto sono di espletare tutte le fasi precliniche dello sviluppo di un composto peptidico con attività farmacologiche e di attestare che lo stesso possieda tutti i requisiti di sicurezza ed efficacia in un idoneo modello murino di SLA. L’attività di ricerca sfocerà nella organizzazione di una start-up.

Oltre alla prof.ssa Angela Messina, Principal Investigator, parteciperanno alla realizzazione del progetto il prof. Renato Bernardini, ordinario di Farmacologia nel dipartimento di Scienze biomediche e biotecnologiche (Biometec) nel ruolo di responsabile del progetto industriale, il prof. Vito De Pinto e la prof.ssa Francesca Guarino, entrambi del Biometec.