Covid-19: nuovo approccio farmacologico evidenziato da ricerca internazionale

Lo studio internazionale è stato coordinato dal prof. Ferdinando Nicoletti dell’Università di Catania. Lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista di settore immunologico “Autoimmunity Reviews”

14 Maggio 2020
Alfio Russo

Comprensione dei meccanismi patogenetici del Covid-19, differenze biologiche che sottendono la maggiore resistenza femminile alla contrazione di forme aggressive di malattia e identificazione di farmaci immediatamente disponibili per il trattamento.  È quanto emerge da uno studio internazionale – dal titolo Transcriptional landscape of SARS-CoV-2 infection dismantles pathogenic pathways activated by the virus, proposes unique sex-specific differences and predicts tailored therapeutic strategies - condotto da un team etneo coordinato da Ferdinando Nicoletti, ordinario di Patologia generale del Dipartimento Biometec dell’Università di Catania, pubblicato sulla prestigiosa rivista di settore immunologico “Autoimmunity Reviews”.

Lo studio è stato realizzato con i contributi di figure di primo piano dell’immunologia mondiale – i docenti Yehuda Shoenfeld dell’Università di Tel-Aviv e Klaus Bendtzen del Rigshopsitalet University Hospital di Copenhagen – e del reparto di Malattie infettive dell’ospedale “Cannizzaro” di Catania diretto dal dott. Carmelo Iacobello e dell‘IRCCS “Bonino-Pulejo” di Messina sotto la direzione scientifica del prof. Placido Bramanti. Prezioso il contributo del ricercatore etneo Paolo Fagone (collaboratore del prof. Nicoletti) che ha approfondito gli studi sugli approcci farmacogenomici alla Penn University di Philadelphia sotto la guida del prof. David Weiner, uno dei virologi di maggiore fama internazionale.

Da sinistra Ferdinando Nicoletti, Placido Bramanti e Carmelo Iacobello

Nella foto da sinistra Ferdinando Nicoletti, Placido Bramanti e Carmelo Iacobello

«Lo studio - spiega il prof. Nicoletti che collabora da anni con i professori Bendtzen, Weiner e Shoenfeld - evidenzia strette interazioni del Covid-19 con componenti del nostro sistema immunitario, in particolare del sistema dell’immunità innata. In soggetti con alcune predisposizioni genetiche, che stiamo analizzando, la risposta immunitaria diventa fattore patogenetico nel determinismo di gravi sintomatologie cliniche del Covid-19 come la “sindrome da stress respiratorio” e fenomeni tromboembolici a sintomatologia e gravità clinica variabile, da lievi manifestazioni a quadri più gravi e frequentemente letali di coagulazione intravascolare disseminata. Lo studio evidenzia anche alcuni fattori biomolecolari che potrebbero spiegare la maggiore resistenza del sesso femminile allo sviluppo di forme infettive marcatamente meno aggressive di quelle dei maschi. Questa nostra osservazione, che necessita validazione in modelli sperimentali, potrebbe essere di rilevanza terapeutica permettendo di considerare l’uso di antiandrogeni per la prevenzione o il trattamento della malattia in soggetti a rischio».

«L’impatto più interessante del lavoro è quello di aver dimostrato che un farmaco immunomodulante già in uso per il trattamento della prevenzione del rigetto di alcuni trapianti e per alcune forme neoplastiche, la rapamicina, presenta un alto indice probabilistico, validato da studi in silico e modelli biomatematici, di efficacia nel trattamento dell’infezione del Covid-19 – spiega il docente etneo -. Questa osservazione è interessante perché il farmaco è immediatamente disponibile per “casi compassionevoli” o studi di fase 2 in pazienti con Covid-19 e conferma linee di ricerca precedenti condotte dal mio gruppo e anche da altri come quello di Bob Gallo, co-scopritore del virus HIV con Montagnier. Il meccanismo antivirale della rapamicina, che richiede conferma per il Covid-19, associato ad un suo effetto immunomodulante, potrebbe esercitare simultaneamente un doppio effetto: ridurre la carica virale e impedire la reazione abnorme del sistema immunitario che in alcuni casi può rappresentare la diretta causa della letalità del Covid-19. Occorre però evitare che quadri di immunosoppressione eccessiva da rapamicina determinino l’indesiderato effetto di aumentare la virulenza del Covid-19. Una costante analisi di parametri di funzionalità del sistema immunitario può permetterci di identificare sul nascere eventuali casi di eccessiva immunosoppressione ed intervenire di conseguenza con riduzione delle dosi».

«Ovviamente è assolutamente sconsigliata in questo momento l’automedicazione con rapamicina – aggiunge il prof. Nicoletti -. Il produttore del farmaco ha considerato con interesse in interazioni già avviate la possibilità di sostenere studi pilota con questo farmaco nel trattamento del Covid-19».

«Il lavoro – spiega il dott. Iacobello - è di straordinaria attualità visto che ad oggi esistono due problemi aperti per noi clinici infettivologi nella lotta al Covid-19: la diagnostica in termini di sensibilità e specificità che necessita ancora di essere affinata e migliorata; la terapia che mostra ancora limiti notevoli sebbene si siano compiuti passi avanti rispetto all’inizio della pandemia. La nostra ricerca apre uno spiraglio molto interessante e futuribile nel breve periodo su una molecola già in uso clinico come la rapamicina che potrebbe essere in grado di bloccare lo shedding virale attraverso un doppio meccanismo di azione. Oltre la rapamicina lo studio evidenzia una vasta pipeline di farmaci, alcuni già in uso clinico, che usati singolarmente o in combinazione possono avere un ruolo importante nel nostro corredo farmacologico contro il Covid-19. Penso che così come è avvenuto per HIV e HCV sia più probabile che a fermare la pandemia siano antivirali diretti ancora prima dello sviluppo di un vaccino».

Da sinistra i docenti Klaus Bendtzen  e Yehuda Shoenfeld

Nella foto i docenti Klaus Bendtzen e Yehuda Shoenfeld. In mezzo un grafico sull'utilizzo della Rapamicina

«Sono molto orgoglioso dello studio - afferma il prof. Nicoletti - e grato ai miei collaboratori e ai colleghi di grande fama, i colleghi Shoenfeld e Bendtzen, che hanno intravisto le potenzialità della ricerca. Questo studio non si sarebbe potuto realizzare senza il supporto scientifico e prospettico per l’applicazione clinica dei risultati fornito dal dott. Carmelo Iacobello e dal prof. Placido Bramanti. È importante sottolineare l’impegno profuso dall’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza nella lotta al Covid-19, per i numerosi input ad approcci di prevenzione tramite distanziamento sociale ed uso di DPI e per la ricerca farmacologica per l’identificazione di nuovi agenti antivirali rassicurandoci che la nostra interlocuzione con il sistema sanitario regionale verrà accolta con favore. Riteniamo con orgoglio che la Sicilia potrà avere una forte azione propulsiva nello sviluppo di nuovi approcci terapeutici contro il Covid-19 in un modello simile, per esempio, a quello che il governatore Zaia ha adottato in Veneto. Da questo particolare punto di vista desidero sottolineare che l’autonoma regionale può offrire ampi margini di innovazione anche in ambito medico e biotecnologico e un assessorato proattivo e attento come quello siciliano attuale può rappresentare un’occasione unica per un’integrazione complementare e sinergica del polo politico ed amministrativo con quello scientifico nell’interesse della salute del paziente. La figura del prof. Bramanti che ha grande esperienza nella gestione di sperimentazioni farmacologiche ed interazioni con enti regolatori come l’AIFA è di assoluta importanza e fornisce un’ulteriore nota di forte ottimismo per la prosecuzione degli studi».

«La realizzazione di questo studio rappresenta in primis un successo per l’Università di Catania e per il rettore Francesco Priolo, con il quale collaboro da anni, che ha supportato con grande entusiasmo chi era in prima linea nella ricerca e nelle azioni di internazionalizzazione ed eccellenza targate Unict» conclude il prof. Nicoletti.

 

 


Sull'argomento "Emergenza Covid-19" leggi anche:
Interventi
01/07/2020 Cosa abbiamo imparato dal COVID-19?
04/06/2020 Il Brasile, la modernità e la pandemia
03/06/2020 Il “virus” che abbiamo sempre avuto
01/06/2020 Cosa abbiamo imparato da un semestre di didattica a distanza?
08/05/2020 Una giornata per il futuro dell’Europa e degli europei
06/05/2020 Progettare la mobilità studentesca al tempo del Covid-19: verso una Smart Student Mobility
04/05/2020 Covid-19 e mobilità: cause, effetti e soluzioni
30/04/2020 Musei e parchi archeologici tra fruizione e Coronavirus
29/04/2020 La dimensione territoriale del CoViD-19 tra crisi e opportunità
28/04/2020 Innovazione e Covid-19
25/04/2020 Epidemie, contagi e paesaggi narrativi
25/04/2020 Perché la Dad non è didattica
24/04/2020 Viva lo smart working
22/04/2020 Comunicazione istituzionale e gestione delle crisi
21/04/2020 Economia circolare sostenibile. Un modello per guidare la ripartenza
21/04/2020 Il Data Tracking ai tempi del CoVID-19
20/04/2020 La pandemia e gli animali che riconquistano le città
18/04/2020 Teledidattica, inatteso cambiamento metodologico della didattica a scuola e all'Università?
17/04/2020 Lo smart working ai tempi del Covid-19 e oltre
16/04/2020 #auguridopopasqua
14/04/2020 Cosa cambierà nella didattica universitaria
11/04/2020 Bambini e genitori in isolamento: quali problemi psicologici?
11/04/2020 Turismo, gli effetti del lock-down
08/04/2020 Coronavirus tra politica e Diritto internazionale
07/04/2020 Sport e studenti tra lezioni, esami e attività fisica
Il contributo dell'Università di Catania
29/06/2020 “Pillole di Museo”, tour virtuali alla scoperta del patrimonio museale dell’Università di Catania
27/06/2020 Mascherine testate dall’Anti-Covid Lab hanno ottenuto la certificazione dell'ISS
22/06/2020 La specializzazione dei saperi nell'era del post Covid-19
29/05/2020 Orientamento, da luglio il corso di preparazione ai test di ammissione ai corsi di area medica
28/05/2020 Emergenza Covid, mascherine per il personale dell’Università di Catania
27/05/2020 Tremila litri di igienizzante dall’Università di Catania a Bergamo e Somaglia
27/05/2020 Di3A, continuano le visite tecniche virtuali
26/05/2020 Lo ‘speaker’ degli Open Days
21/05/2020 Open Days, concluso l’evento di orientamento per chi vuole iscriversi all’Università di Catania
21/05/2020 “A Catania turismo è…”: Baudo, Parmitano e altri catanesi testimonial di uno spot per la città
19/05/2020 Open Days, oggi la seconda giornata dedicata ai dipartimenti dell’area delle Scienze della Vita
18/05/2020 Economia, nuove ‘videopillole’ sugli effetti di Covid-19
18/05/2020 Covid-19, Policlinico e Unict in prima linea nello studio nazionale sul plasma
18/05/2020 Open Days Unict 2020, inaugurato l’evento on line dedicato a chi vuole iscriversi all’Università
18/05/2020 #LaMiaVita Dopo Il Covid
14/05/2020 Open Days “online”, l’Università di Catania si presenta alle future matricole
13/05/2020 CInAP, uno “sportello virtuale” per le future matricole con disabilità e Dsa
11/05/2020 Microsoft Live Edu, la didattica a distanza e la risposta dell’Ateneo alla crisi ‘Covid-19’
09/05/2020 Video ‘pillole’ di Economia sui problemi derivanti dall’emergenza Covid-19
06/05/2020 Trasferimento da altri atenei, ecco il bando Unict
05/05/2020 La Formazione non si ferma: “Distanti, ma vicini”
05/05/2020 “Fase 2” in Ateneo, emanate le indicazioni per la didattica e il rientro negli uffici
02/05/2020 “Unict aiuta chi ti aiuta”, 2000 mascherine FFP3 per gli ospedali catanesi
30/04/2020 Proroga tasse e accesso ai corsi di laurea, due novità in arrivo
29/04/2020 Sostenibilità nella gestione d’impresa al tempo di Covid-19
28/04/2020 Tre docenti etnei nella Commissione di esperti del Programma nazionale per la Ricerca 2021-2027
09/04/2020 “Unict aiuta chi ti aiuta”, già raccolti 60 mila euro per gli ospedali catanesi
08/04/2020 Nascere ai tempi del Coronavirus
06/04/2020 CInAP, attivi tutti i servizi a supporto degli studenti diversabili e con Dsa
01/04/2020 Accordo Ersu-Unict, la residenza Toscano-Scuderi alloggio temporaneo per medici e specializzandi
31/03/2020 Al “San Marco” aprono i reparti di Clinica medica e Pneumologia
27/03/2020 “UNICT aiuta chi ti aiuta”, l’ateneo a sostegno degli ospedali catanesi
24/03/2020 L’Università di Catania produrrà soluzione disinfettante per la Protezione civile regionale
20/03/2020 Antonella Agodi nel Gruppo di lavoro "Prevenzione e Controllo delle Infezioni" dell'Iss
06/03/2020 Da lunedì al via la didattica on line
Ricerca
29/05/2020 Gli italiani e l’informazione durante il lockdown
19/05/2020 L'impatto della pandemia nell'età pediatrica
17/05/2020 Medicina del lavoro tra SARS-CoV-2 e operatori sanitari
09/05/2020 “Distantia”, l’app di Unict per il distanziamento
08/05/2020 Covid-19 e Intelligenza artificiale: nuove soluzioni per misurare il corretto “Social Distancing”
08/05/2020 Un modello computazionale riproduce “in silico” il decorso del Covid-19
06/05/2020 Nuovi Dispositivi di protezione individuale "facciale" al personale medico-sanitario
29/04/2020 Covid-19, effetti diversi su uomini e donne: ricerca Unict prova a spiegare il perché
18/04/2020 Un modello epidemico per stimare positivi non identificati
16/04/2020 Anti-Covid Lab, via libera dell'ISS ai test su mascherine chirurgiche a uso medico
10/04/2020 Uno studio sulle possibili cause della diversa diffusione in Italia
09/04/2020 A fine aprile solo pochi contagi
05/04/2020 Policlinico, al via lo screening ematico per scoprire gli anticorpi del virus
31/03/2020 A Catania nasce “Anti_Covid-Lab” per testare tessuti per mascherine e Dpi
22/03/2020 I sensori del progetto “Mediwarn” a supporto della gestione dell’emergenza
13/03/2020 L’Università di Catania avvia la distribuzione di una soluzione igienizzante