Biologia animale, piantumato un carrubo per ricordare Emanuele Mollica

Docenti, colleghi e amici hanno ricordato il direttore dell’Amp Isole Ciclopi scomparso nei giorni scorsi

30 Marzo 2017
Alfio Russo

Un’autentica “festa” per ricordare un amico, un collega, un apprezzato biologo marino. Un appuntamento a cui nessuno è voluto mancare per commemorare ancora una volta Emanuele Mollica, il direttore dell’Area marina protetta Isole Ciclopi di Aci Castello, scomparso a 51 anni il 2 marzo scorso.

Una breve cerimonia che è stata organizzata dalla sezione di Biologia animale del dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali dove Mollica ha condotto i suoi studi universitari, ha conseguito la laurea in Scienze biologiche e il  dottorato di ricerca in Biologia evoluzionistica.

Due brevi ricordi sono stati testimoniati dal direttore del dipartimento Carmelo Monaco e dal dott. Fabio Viglianisi. A seguire la prof.ssa Grazia Cantone ha tracciato un breve profilo della carriera studentesca e del carattere del biologo marino. Al termine della cerimonia, nell’aiuola antistante l’aula centrale della sezione di Biologia animale, è stato piantumato un Carrubo (Ceratonia siliqua), albero vigoroso che ben rappresenta la personalità del biologo marino. Presenti alla cerimonia, tra gli altri, anche la moglie Amelia, i figli Federico, Carlo e Rosanna insieme con il padre Florindo Mollica.

Emanuele Mollica - biologo, dottore di ricerca in Biologia evoluzionistica - ha ricoperto il ruolo di direttore dell’area protetta istituita dal Ministero dell’Ambiente e gestita dal consorzio tra Comune di Aci Castello e dal Cutgana dell’Università di Catania dal 2001. Dal 2000 al 2012 ha ricoperto anche il ruolo di direttore della Riserva naturale integrale Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi di Aci Trezza gestita dal Cutgana.