Bambini e genitori in isolamento: quali problemi psicologici?

L'analisi del prof. Santo Di Nuovo, presidente dell'Associazione italiana di Psicologia

11 Aprile 2020
Giuseppe Melchiorri

Bambini, disabili e anziani. Sono queste le categorie che, secondo il prof. Santo Di Nuovo, ordinario Di Psicologia generale nel dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Catania e presidente dell’Associazione italiana di Psicologia, sentono maggiormente l’isolamento sociale  a cui siamo costretti dall’emergenze epidemiologica in atto. Il docente catanese ha risposto ad alcune domande sull’argomento, evidenziando diverse criticità.

I bambini risentono di questo isolamento più degli adulti? Quali sono gli effetti di questo isolamento sui bambini?

All’isolamento sociale forzato durante questa epidemia ognuno risponde diversamente, in base alle sue risorse e alle capacità di resistenza. Più difficoltà incontrano quelli che hanno risorse e resistenze più limitate: gli anziani, i disabili, i bambini. Per loro l’effetto dell’isolamento e della chiusura in casa, il cambio delle abitudini e dello stile di vita è più pesante. Le alternative sono difficili da comprendere e da gestire. Ovviamente per i bambini queste difficoltà sono diverse in base all’età, e al livello di capacità cognitive: pensiamo ai tanti bambini con disabilità intellettiva o con autismo, che non riescono bene a comprendere ed elaborare cosa è questo virus cattivo di cui sentono parlare, perché la loro vita cambia, cosa li aspetta in futuro. Lo stesso per i bambini piccoli, che percepiscono l’ansia dei genitori ma non ne capiscono il motivo, e non hanno le possibilità dei ragazzi più grandi, che si tengono in contatto con gli amici e i compagni tramite i social media.

Cosa possono fare le famiglie con bambini in casa per affrontare questo momento? Ci sono delle attività specifiche che i genitori  possono proporre ai loro bimbi?

Indicazioni su come occupare i bambini durante l’isolamento se ne trovano tante su internet. Anche in questo caso, dipende dall’età. Se sono piccoli fateli uscire ogni tanto, nel condominio se possibile, altrimenti attorno ad esso. Mantenendo tutte le distanze di sicurezza, certo. Però mi pare strano che si possano fare uscire i cani, solo perché i “bisogni” devono farli fuori casa, e non i bambini che hanno altri bisogni: di muoversi, di prendere aria e sole, di uscire dalle mura di una casa spesso troppo stretta per loro. Spero che sindaci e poliziotti (genitori anch’essi) siano comprensivi su questo se le sicurezze prescritte sono rispettate e si fanno piccole passeggiate attorno casa, non gite fuori porta o al mare o ai monti…
Se i figli sono più grandi, non lasciateli ai videogiochi o ai programmi televisivi, per quanto istruttivi possano essere: a stare soli davanti ad uno schermo lo avevano già imparato prima dell’epidemia, che adesso li giustifica e quasi li obbliga a passare il tempo così. Non li invogliate a chattare continuamente, pensando così di compensare la mancanza di rapporti diretti: anche questo lo pensano già da sé, ma funziona solo in parte.
Giocate con loro, leggete con loro, guardate insieme un programma o un film, anche se sono adatti per le loro età: spesso giochi, libri e film per ragazzi sono più rilassanti di quelli per adulti. Soprattutto passate tempo con loro: si meraviglieranno perché per loro è una cosa nuova, ma in fondo lo desiderano. Se sono piccoli sarà più facile, se adolescenti bisogna creare il clima giusto. State presenti, senza essere invasivi o oppressivi, ma con leggerezza e affetto, e questa forzata convivenza sarà servita a qualcosa.

Con la didattica a distanza, i bambini ormai frequentano le lezioni da casa, ma spesso i genitori sono costretti a sostituirsi ai maestri. Sappiamo che per i bambini l’autorità del genitore è diversa da quella dei maestri . Che consiglio può dare a i genitori per farsi ascoltare e per acquisire credibilità agli occhi dei figli anche in ambito scolastico?

La didattica a distanza è una compensazione, non una vera e piena alternativa. Per i bambini questo è particolarmente vero: specialmente per la scuola dell’infanzia, ma anche per gli adolescenti, se è vero che a scuola l’apprendimento è cooperativo e la relazione diretta con gli insegnanti e col gruppo-classe è essenziale. Da casa si può compensare tutto ciò? Poco, e non sono certo i genitori a poter supplire in tutto e per tutto. Non ne sono preparati, non hanno gli strumenti. Non è solo una questione di autorità. Il loro compito non è di imporre ai figli cosa fare, e bacchettarli se sbagliano: è quello di fornire un contesto sicuro, un clima rassicurante, che facilita lo studio e l’apprendimento anche in condizioni speciali quali sono queste che stiamo attraversando. La famiglia è un supporto, soprattutto emotivo, può sostenere l’interesse per lo studio e magari aiutare in qualche aspetto, se il livello culturale lo consente. Ma lo consente poco, purtroppo, nelle condizioni di disagio sociale in cui è la scuola che compensa le carenze familiari, non viceversa. Che sono i casi più problematici di cui parlavo prima, dove la didattica telematica è difficile magari perché mancano i mezzi tecnologici e culturali. Una promozione generalizzata, come si prospetta, non serve certo al progresso reale dei ragazzi. Ma siamo in tempo di guerra, si dice, e in questi tempi forse davvero non si può fare di più. Consapevoli però del rischio che si corre:  chi è più indietro resterà ancora più indietro, e questo distacco andrà recuperato in qualche modo quando la situazione sarà normalizzata.

Tornando alla normalità, i bambini vivranno un periodo di riadattamento? Come va affrontato?

Speriamo tutti che arrivi presto la “fase 2”, ma il tema del riadattamento sarà da affrontare in tempi lunghi. Come nei dopoguerra, o dopo un grave incidente o una malattia, i contraccolpi saranno difficili da assestare, specie nelle personalità più fragili. Queste andranno sostenute seriamente, e con un impegno che richiederà strutture e supporti diversi da quelli precedenti l’epidemia. Non è per promuovere la mia categoria professionale, ma ritengo utile un aumento dei servizi psico-pedagogici per le scuole e per le famiglie. Come presidente della Associazione degli psicologi italiani sto facendo per conto del Ministero della Salute un censimento delle strutture che offrono in via telematica servizi di sostegno psicologico sui problemi legati all’emergenza. Sono tante, ma altrettante se non di più dovranno essere, e non solo a distanza, dopo che la fase critica dell’epidemia sarà passata. Per evitare la corsa frenetica ai contatti sociali (il “liberi tutti” che si preannuncia anche se non imminente), il rimbalzo dello ‘stare fuori’ per compensare la reclusione forzata, ma anche le conseguenze emotive deleterie di uno stress prolungato e non elaborato. Insomma per ricostruire il tessuto sociale, e attivare quella resilienza che tutti diciamo essere necessaria per tornare alla ‘normalità’, anzi rafforzati nelle nostre capacità di difesa e di relazioni positive e gratificanti. E le categorie più deboli, bambini, disabili, anziani, devono essere aiutate più di tutte.

Invece i genitori come possono  “prendersi del tempo” senza sentirsi in difetto?

Se i genitori non controllano la loro ansia in questi momenti difficili per tutti non possono certo aiutare i figli, che anzi assorbiranno la loro ansia aumentando la propria. Per gestire lo stress i genitori devono rinsaldare le proprie sicurezze, personali e di coppia, quindi avere tempo per sé: quel tempo che non si ha nella “normale” vita quotidiana e che adesso, in quarantena forzata, si può in parte riconquistare.
Ricordiamo che genitori che fanno tutto freneticamente inducono nei loro figli la stessa smania impaziente di fare tutto presto: veloci a scuola al mattino, poi compiti a casa, lezione di musica o danza, visita dal dentista, videogiochi dove vince chi finisce prima, chat continua, tutto senza fermarsi mai. Diceva Eraclito che “il tempo è un gioco, che i bambini sanno giocare bene”: sono gli adulti ad insegnare presto ai loro piccoli che il tempo non è un gioco ma una cosa seria, un vuoto da riempire continuamente di attività perché alla fine si esaurisce e ci esaurisce. Il tempo per noi stessi è fare una cosa alla volta, senza essere sempre in “multitasking” che sembra essere il vanto della vostra modernità, rilassarsi al sole, godersi un tramonto, ascoltare una musica rilassante, chiacchierare con un amico, al di là della mail o di un whatsapp di poche righe veloci.
La pausa forzata, cui il virus ci ha costretti, ci dà la possibilità di imparare che i tempi lenti sono forse non meno produttivi di quelli frenetici cui siamo abituati (chi è stressato dalla fretta produce di meno e comunque peggio). Ma i tempi lenti fanno vivere più serenamente, e insegnano ai nostri figli ad essere sereni, vivendo il tempo senza sprecarlo correndo sempre, a volte senza senso. Se impareremo questo, anche il virus cattivo ci avrà lasciato una eredità positiva.

Santo Di Nuovo

Santo Di Nuovo, ordinario di Psicologia generale del Dipartimento di Scienze della formazione dell'Università di Catania

Emergenza Covid / Il contributo dell'Università di Catania

 


Sull'argomento "Emergenza Covid-19" leggi anche:
Il contributo dell'Università di Catania
28/07/2020 Alto gradimento per la Dad di Unict, un sondaggio tra gli studenti premia l’impegno dell’Ateneo durante il lockdown
10/07/2020 L’Università di Catania incontra il mondo imprenditoriale
09/07/2020 Le prime lauree in presenza dopo l’emergenza sanitaria
29/06/2020 “Pillole di Museo”, tour virtuali alla scoperta del patrimonio museale dell’Università di Catania
27/06/2020 Mascherine testate dall’Anti-Covid Lab hanno ottenuto la certificazione dell'ISS
22/06/2020 La specializzazione dei saperi nell'era del post Covid-19
29/05/2020 Orientamento, da luglio il corso di preparazione ai test di ammissione ai corsi di area medica
28/05/2020 Emergenza Covid, mascherine per il personale dell’Università di Catania
27/05/2020 Di3A, continuano le visite tecniche virtuali
27/05/2020 Tremila litri di igienizzante dall’Università di Catania a Bergamo e Somaglia
26/05/2020 Lo ‘speaker’ degli Open Days
21/05/2020 Open Days, concluso l’evento di orientamento per chi vuole iscriversi all’Università di Catania
21/05/2020 “A Catania turismo è…”: Baudo, Parmitano e altri catanesi testimonial di uno spot per la città
19/05/2020 Open Days, oggi la seconda giornata dedicata ai dipartimenti dell’area delle Scienze della Vita
18/05/2020 #LaMiaVita Dopo Il Covid
18/05/2020 Covid-19, Policlinico e Unict in prima linea nello studio nazionale sul plasma
18/05/2020 Open Days Unict 2020, inaugurato l’evento on line dedicato a chi vuole iscriversi all’Università
18/05/2020 Economia, nuove ‘videopillole’ sugli effetti di Covid-19
14/05/2020 Open Days “online”, l’Università di Catania si presenta alle future matricole
13/05/2020 CInAP, uno “sportello virtuale” per le future matricole con disabilità e Dsa
11/05/2020 Microsoft Live Edu, la didattica a distanza e la risposta dell’Ateneo alla crisi ‘Covid-19’
09/05/2020 Video ‘pillole’ di Economia sui problemi derivanti dall’emergenza Covid-19
06/05/2020 Trasferimento da altri atenei, ecco il bando Unict
05/05/2020 “Fase 2” in Ateneo, emanate le indicazioni per la didattica e il rientro negli uffici
05/05/2020 La Formazione non si ferma: “Distanti, ma vicini”
02/05/2020 “Unict aiuta chi ti aiuta”, 2000 mascherine FFP3 per gli ospedali catanesi
30/04/2020 Proroga tasse e accesso ai corsi di laurea, due novità in arrivo
29/04/2020 Sostenibilità nella gestione d’impresa al tempo di Covid-19
28/04/2020 Tre docenti etnei nella Commissione di esperti del Programma nazionale per la Ricerca 2021-2027
09/04/2020 “Unict aiuta chi ti aiuta”, già raccolti 60 mila euro per gli ospedali catanesi
08/04/2020 Nascere ai tempi del Coronavirus
06/04/2020 CInAP, attivi tutti i servizi a supporto degli studenti diversabili e con Dsa
01/04/2020 Accordo Ersu-Unict, la residenza Toscano-Scuderi alloggio temporaneo per medici e specializzandi
31/03/2020 Al “San Marco” aprono i reparti di Clinica medica e Pneumologia
27/03/2020 “UNICT aiuta chi ti aiuta”, l’ateneo a sostegno degli ospedali catanesi
24/03/2020 L’Università di Catania produrrà soluzione disinfettante per la Protezione civile regionale
20/03/2020 Antonella Agodi nel Gruppo di lavoro "Prevenzione e Controllo delle Infezioni" dell'Iss
06/03/2020 Da lunedì al via la didattica on line
Ricerca
27/07/2020 Il lockdown “spegne” il rumore sismico del 50% a livello mondiale
23/07/2020 Malattie rare al tempo del Covid-19, dall’emergenza alla ripartenza
29/05/2020 Gli italiani e l’informazione durante il lockdown
19/05/2020 L'impatto della pandemia nell'età pediatrica
17/05/2020 Medicina del lavoro tra SARS-CoV-2 e operatori sanitari
14/05/2020 Covid-19: nuovo approccio farmacologico evidenziato da ricerca internazionale
09/05/2020 “Distantia”, l’app di Unict per il distanziamento
08/05/2020 Un modello computazionale riproduce “in silico” il decorso del Covid-19
08/05/2020 Covid-19 e Intelligenza artificiale: nuove soluzioni per misurare il corretto “Social Distancing”
06/05/2020 Nuovi Dispositivi di protezione individuale "facciale" al personale medico-sanitario
29/04/2020 Covid-19, effetti diversi su uomini e donne: ricerca Unict prova a spiegare il perché
18/04/2020 Un modello epidemico per stimare positivi non identificati
16/04/2020 Anti-Covid Lab, via libera dell'ISS ai test su mascherine chirurgiche a uso medico
10/04/2020 Uno studio sulle possibili cause della diversa diffusione in Italia
09/04/2020 A fine aprile solo pochi contagi
05/04/2020 Policlinico, al via lo screening ematico per scoprire gli anticorpi del virus
31/03/2020 A Catania nasce “Anti_Covid-Lab” per testare tessuti per mascherine e Dpi
22/03/2020 I sensori del progetto “Mediwarn” a supporto della gestione dell’emergenza
13/03/2020 L’Università di Catania avvia la distribuzione di una soluzione igienizzante
Interventi
01/07/2020 Cosa abbiamo imparato dal COVID-19?
04/06/2020 Il Brasile, la modernità e la pandemia
03/06/2020 Il “virus” che abbiamo sempre avuto
01/06/2020 Cosa abbiamo imparato da un semestre di didattica a distanza?
08/05/2020 Una giornata per il futuro dell’Europa e degli europei
06/05/2020 Progettare la mobilità studentesca al tempo del Covid-19: verso una Smart Student Mobility
04/05/2020 Covid-19 e mobilità: cause, effetti e soluzioni
30/04/2020 Musei e parchi archeologici tra fruizione e Coronavirus
29/04/2020 La dimensione territoriale del CoViD-19 tra crisi e opportunità
28/04/2020 Innovazione e Covid-19
25/04/2020 Perché la Dad non è didattica
25/04/2020 Epidemie, contagi e paesaggi narrativi
24/04/2020 Viva lo smart working
22/04/2020 Comunicazione istituzionale e gestione delle crisi
21/04/2020 Il Data Tracking ai tempi del CoVID-19
21/04/2020 Economia circolare sostenibile. Un modello per guidare la ripartenza
20/04/2020 La pandemia e gli animali che riconquistano le città
18/04/2020 Teledidattica, inatteso cambiamento metodologico della didattica a scuola e all'Università?
17/04/2020 Lo smart working ai tempi del Covid-19 e oltre
16/04/2020 #auguridopopasqua
14/04/2020 Cosa cambierà nella didattica universitaria
11/04/2020 Turismo, gli effetti del lock-down
08/04/2020 Coronavirus tra politica e Diritto internazionale
07/04/2020 Sport e studenti tra lezioni, esami e attività fisica