Al rettore Pignataro il premio "Pam Award 2015"

Il riconoscimento è stato conferito dall'Assemblea dei Parlamentari del Mediterraneo per l'impegno dell'Ateneo a sostegno della Piattaforma accademica transnazionale lanciata a Catania nel dicembre 2014

1 Febbraio 2016
G.M.

L'Assemblea dei Parlamentari del Mediterraneo - organo transnazionale regionale che ricopre il ruolo di osservatore dell'Onu e di forum di discussione tra i parlamenti dei diversi Stati membri, al fine di promuovere la stabilità, la sicurezza e la pace nel bacino del Mediterraneo - ha conferito al professor Giacomo Pignataro, rettore dell'Università di Catania, il Pam Award 2015.

Il prestigioso riconoscimento, che sarà consegnato nella sede del parlamento albanese a Tirana il prossimo 19 febbraio, in occasione della 10ma sessione plenaria dell'Assemblea, è stato conferito al rettore dell'Ateneo catanese per l'impegno e il supporto assicurati all'iniziativa che si tenne nel dicembre 2014 proprio a Catania, nel corso della quale fu varata la Piattaforma accademica della Pam. A firmare l'importante documento, per la prima volta, si ritrovarono parlamentari, funzionari governativi, rappresentanti delle istituzioni accademiche e di ricerca delle regioni Euro-Mediterranea e Araba, oltre che esponenti del settore produttivo. 

Coerentemente con le priorità dell'Assemblea (pace, sicurezza, stabilità, commercio, ambiente, dialogo, discriminazione per genere, energia, immigrazione, giovani), l'obiettivo della Piattaforma accademica di Catania è quello di dare un nuovo impulso alle iniziative già in corso nello Spazio euromediterraneo di Alta formazione e Ricerca, imboccando quelle strade che consentano ai Paesi delle due sponde del Mare Nostrum di investire e "produrre" conoscenza e innovazione, mettendo inoltre a disposizione dei parlamentari di tutti i Paesi membri informazioni attuali e strategiche che possano rafforzare la base scientifica delle future attività legislative a livello nazionale e regionale.
 

Links correlati

 

Leggi l'articolo su Zammù Multimedia sul lancio della piattaforma