È scomparso il prof. Guglielmo Longo

Ordinario di Citologia ed Istologia, ha ricoperto il ruolo di senatore accademico e componente del Cda dell'Ateneo oltre che di direttore del dipartimento di Biologia animale

13 Giugno 2019
Alfio Russo

Si è spento oggi, all'età di 76 anni, il prof. Guglielmo Longo, ordinario di Citologia ed Istologia dell'allora Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Università di Catania. 

Nel corso della sua carriera è stato membro elettivo del Senato accademico integrato e componente del Consiglio di Amministrazione dell’Università di Catania. Ha anche ricoperto il ruolo di direttore del Dipartimento di Biologia Animale “Marcello La Greca".

Il ricordo dei docenti della sezione di Biologia animale

In tutta la sua attività universitaria il prof. Longo si è sempre distinto per il suo spiccato senso del dovere e attaccamento al lavoro, per le sue eccezionali capacità intuitive e critiche nell’ambito della ricerca, per le sue, straordinarie capacità di didatta suscitando interesse e apprezzamenti da parte degli studenti. In ultimo, ma non per questo meno importante, il prof. Longo è stato apprezzato da tutti i componenti del Dipartimento dove operava, per le sue eccezionali qualità umanitarie, senso del rispetto e disponibilità. La sua scomparsa ha lasciato in tutti noi un forte rammarico ma nel contempo gli siamo profondamente riconoscenti per tutto il suo operato. Grazie, professore Longo!

Ecco il video della lezione tenuta dal prof. Longo in occasione dell'Open Day "BioGeoNatura", la giornata di orientamento per gli allievi delle scuole medie superiori che si è tenuta l'8 maggio 2014.

Nato a Catania, il prof. Longo si è laureato in Agraria presso l’Università di Catania con 110/110 e lode. Dal novembre 2001 prof. ordinario di Citologia ed Istologia (SSD BIO/06) nella Facoltà di Scienze MM.FF.NN dell’Università di Catania. Ha tenuto gli insegnamenti di Biologia cellulare e di Laboratorio di Tecniche microscopiche ed ultramicroscopiche nel Corso di Laurea in Scienze Biologiche e di un modulo di Biologia Cellulare nella Laurea Magistrale in Chimica Biomolecolare nella facoltà di Scienze MM.FF.NN dell’Università di Catania. E’ titolare, inoltre, degli insegnamenti di Biologia Cellulare e del Differenziamento nella laurea Magistrale in Biologia cellulare e Molecolare.

E’ stato componente del Collegio Docenti Dottorato di Biologia Evoluzionistica, con sede amministrativa presso l’Università di Catania.
Dall’A.A. 1990/91 all’A.A. 2002/2003 è stato componente della Commissione Scientifica per la valutazione dei progetti di ricerca finanziati con fondi assegnati dall’Ateneo per l’area disciplinare 05 – Scienze Biologiche. 

E’ stato membro elettivo del Senato Accademico Integrato dell’Università di Catania e, dal 1997 al 2002 è stato componente del Consiglio di Amministrazione dell’Università di Catania.
Dall’anno 1996 e sino al 2001 ha ricoperto il ruolo di Vicedirettore del Dipartimento di Biologia Animale e nel dicembre 2001 è stato eletto quale Direttore dello stesso, incarico che è stato riconfermato per il triennio 2004-2007. 

Responsabile di diversi Progetti di Ricerca di Ateneo aventi come tema la “Biologia della riproduzione e sviluppo embrionale negli Artropodi”. Collaboratore di Programmi di ricerca di interesse nazionale (PRIN) finanziati per gli anni 2003/2004, 2005/2006 e 2008/2010. Revisore di articoli per Riviste nazionali ed internazionali. Dal 2003 al 2012 ha fatto parte, quale componente permanente, dell’Albo dei Revisori del MIUR per la valutazione dei progetti di ricerca cofinanziati. E’ socio dell’Unione Zoologica Italiana e del Gruppo Embriologico Italiano; dal 2003 al 2005 è stato componente della Commissione Didattica dell’Unione Zoologica Italiana. 

L’attività scientifica, testimoniata da oltre cinquanta pubblicazioni a stampa e da numerose relazioni e lavori presentati a Convegni scientifici nazionali ed internazionali, è stata rivolta
prevalentemente allo sviluppo dei seguenti temi di ricerca: I) Ricerche sulla riproduzione e sullo sviluppo embrionale degli Insetti; Indagini morfologiche, istochimiche ed ultrastrutturali su vari organi di Insetti; Ricerche sulla biologia riproduttiva degli Isopodi Oniscidei (Crostacei); Gli isopodi terrestri come bioindicatori dell’inquinamento da metalli pesanti: indagini sulle alterazioni morfologiche ed ultrastrutturali dell’epatopancreas ed influenza del bioaccumulo di cadmio, piombo e zinco sulla biologia riproduttiva.